Domenica, 16 Giugno 2019 | 06 :44:37

Primi voti

Dimensione carattere:

La campagna per sfiduciare con il voto dei lavoratori l’accordo separato tra Federmeccanica, Fim, Uilm e Ugl e riconquistare un contratto nazionale degno di questo nome è appena iniziata con le riunioni dei direttivi e i primi incontri di delegati e lavoratori. Nell’ultima decade di gennaio entrerà nel vivo con le assemblee dal Veneto alla Toscana, dal Piemonte alla Lombardia all’Emilia e con i referendum certificati sulla proposta contrattuale della Fiom. In alcuni casi, come in Emilia-Romagna la piattaforma della Fiom verrà nuovamente inviata anche alle Confindustrie regionali e provinciali. Nel frattempo c’è già chi si è portato avanti con il lavoro, battendo tutti sul tempo: è il caso di una dozzina di piccole-medie fabbriche di Firenze e della Carcano di Lecco. Nelle aziende fiorentine erano coinvolti 760 lavoratori, hanno votato in 503, i favorevoli sono stati 466, i contrari 22 (15 tra bianche e nulle). A Lecco sugli 252 aventi diritto della Carcano hanno votato in 146: 123 si, 18 no (5 tra bianche e nulle).

privacy policy